Un antico termine francese, “en tremblant” nel lessico dell’industria della gioielleria si riferisce alla caratteristica “tremante” di un gioiello, in particolare delle spille a motivo floreale, in cui il centro del fiore è attaccato a un meccanismo che gli consente di “tremare” delicatamente quando viene indossato; ma era anche utilizzato in gioielli a forma d’insetto, in particolare farfalle e libellule, le cui ali si agitavano graziosamente, quasi fossero vive. Inventato nel XVIII secolo negli atelier parigini, l’opera prevede il montaggio del gioiello, spesso fatto di diamanti, su molle a spirale per creare movimento e altezza realistici, con conseguente maggiore volume, brillantezza e vivacità.

Questo tipo di gioiello era di moda nel XVIII e XIX secolo, prima dell’avvento dell’elettricità, quando il taglio delle gemme non dava ancora un aspetto tanto brillante al gioiello, l’effetto tremolante donava una brillantezza sorprendente al lume di candela.

In seguito, Bulgari produsse una serie di spille tremanti durante gli anni cinquanta e sessanta che non si limitava solo agli spruzzi floreali ma si estendeva su bouquet, cestini decorati con diamanti e gemme preziose. Questa moda fu adottata dalle star hollywoodiane e dell’élite internazionale come Ingrid Bergman e la principessa Soraya dell’Iran, che a volte le indossavano come ornamenti per capelli.

Foto dahttp://revivaljewels.com/blog

Esempi famosi della spilla tremblante Bulgari sono stati i magnifici diamanti e platino donati a Elizabeth Taylor nei primi anni ’60 dal suo allora marito Eddie Fisher.

Ana Muraca

Sitografia

http://www.thejewelleryeditor.com/jewellery/vintage/know-how/history-of-brooches-evolution-of-style/

http://revivaljewels.com/blog/2016/3/11/ki7fhql436r29ip5lty1c40pewscuc