Elsa Schiaparelli, creatrice di moda esuberante, eccentrica e terribilmente creativa, ebbe un periodo di grande successo tra le due guerre.  I suoi modelli spesso ispirati al surrealismo erano coraggiosi, unici, con un sapiente uso del colore.

 La sua vena creativa è oggi una grande fonte d’ispirazione per gli stilisti, basta vedere come alcune delle sue idee più popolari sono spesso rivisitate o ricreate come omaggio alla sua figura.

 Qui vi presentiamo alcuni esempi:

Oscar de la Renta degli anni 80

Schiaparelli del 1927

 

Anna Wintour in Prada 2012

Wallis Simpson in un abito Schiaparelli

 

Valentino-ss 2014

Schiaparelli 1939, ricami di Lesage

 

Miu Miu ss 2014

Schiaparelli su disegno di Cocteau

Per finire, ricordiamo la forte influenza che ha avuto Elsa Schiaparelli nel lavoro che Miuccia Prada ha realizzato per l’omonima Maison; a testimonianza, la mostra realizzata al Metropolitan Museum nel 2012 del titolo “Schiaparelli and Prada: Impossible Conversations” che basandosi su un’intervista degli anni trenta di Miguel Covarrubias per Vanity Fair “Impossible Interviews”; l’esibizione mette in parallelo, il lavoro di queste due stiliste italiane di grande talento tramite un montaggio video che simula una conversazione fra le due nella quale parlano di tematiche relazionate con la moda.

 Qui, vi lascio con alcuni spezzoni della doppia intervista:

 *Schiaparelli and Prada: Impossible Conversations – Introduction with Baz Luhrmann

*Schiaparelli and Prada: Impossible Conversations – The Exotic Body

*Schiaparelli and Prada: Impossible Conversations – The Surreal Body

*Schiaparelli and Prada: Impossible Conversations – The Classical Body

 *Schiaparelli and Prada: Impossible Conversations – Naïf Chic

*Schiaparelli and Prada: Impossible Conversations – Ugly Chic

*Schiaparelli and Prada: Impossible Conversations – Hard Chic

*Schiaparelli and Prada: Impossible Conversations – Waist Up/Waist Down