Sfacciati, curiosi e meravigliosi, i binocoli da teatro sono diventati un must durante la seconda metà dell’800.

Derivati dall’invenzione del telescopio, realizzata da Galileo intono al 1609; Le prime versioni, iniziano a essere conosciuti nel settecento con il nome di “opera glass”, si trattava di un lungo telescopio richiudibile spesso decorato con smalti, gemme, avorio e altri materiali pregiati.

Cento anni dopo, comparvero i veri e propri binocoli da teatro, realizzati con due piccoli telescopi galileiani uniti da un ponte centrale; ogni telescopio doveva essere messo a fuoco indipendentemente, rendendo il loro utilizzo poco pratico.

Da li a poco, Pierre Lemiere mise a punto un binocolo con una rotellina centrale che riusciva a mettere a fuoco i due telescopi contemporaneamente; questa piccola invenzione fece crescere velocemente la popolarità dei binocoli per l’opera e intorno al 1850, essi diventano degli accessori alla moda imprescindibili per andare a teatro.

La loro fortuna non era tanto il fatto di riuscire a seguire meglio ogni spettacolo senza perdersi i dettagli, ma il poter compiere degli atti di vero e proprio spionaggio nei riguardi degli altri spettatori scrutando ogni loro mossa: come erano vestite le altre dame, da chi erano accompagnate, a chi guardavano, con chi flirtavano, ecc.

James Hayllar – At the Theatre

Con il tempo, comparvero tante varianti, da quella con il manico, che permettevano di tenerli comodamente davanti agli occhi (le più popolari), a quelle con catene, maniglie e persino una luce che consentiva di leggere discretamente il programma durante lo spettacolo.

Una versione successiva del classico binocolo da teatro, divenne popolare a metà del XX secolo; era realizzata con quattro lenti montate all’interno di una piccola cassa rettangolare, spesso di metallo. Quando il coperchio della custodia viene aperto, le lenti vengono sollevate da un semplice meccanismo articolato, formando un prisma triangolare con le due coperture.

Foto: retrochronicle.com

Ana Muraca

Fonti:

http://www.fineoperaglasses.com/pages/The-History-of-Opera-Glasses-and-Theater-Binoculars.html

http://www.gilai.com/article_22/Collectors-Guide-to-Opera-Glasses-History–Structure-and-More