Oggi parliamo di un guardaroba molto interessante, quello della regina Maud di Norvegia (1869-1938), che si distinse per il suo stile elegante e raffinato e che ci mostra uno squarcio della moda regale tra la fine dell’800 e gli anni trenta del novecento.Principessa inglese, nipote della regina Vittoria, nel 1896 sposò suo cugino, il principe Carlo di Danimarca, secondogenito del futuro re della Danimarca Federico VIII e che nel 1905 diventerà inaspettatamente re della Norvegia.

Nel 1991, quando il suo unico figlio, il Re Olav morì, tutto il guardaroba della regina Maud, fu donato al Museum of Decorative Arts and Design, permettendoci di conoscere questi meravigliosi abiti che oggi vi raccontiamo. Tra capi donati non c’era purtroppo il suo abito da sposa, ma lo possiamo vedere in alcune fotografie, dove è evidente che rientra pienamente nei canoni dello stile vittoriano, ovvero un abito bianco dove il decolté, l’orlo e lo strascico sono decorati con dei fiori, a completare il tutto, un velo in pizzo e una tiara.

La principessa Maud con suo marito il principe Carlo di Danimarca nel giorno delle loro nozze nel 1896

La principessa Maud con suo marito il principe Carlo di Danimarca nel giorno delle loro nozze nel 1896

Realizzato in satin di seta rosa con collo e maniche lunghe e cintura nera, questo è uno dei suoi primi abiti da donna sposata e come vedremo, il rosa sarà spesso presente nel suo guardaroba.

Abito realizzato da Madame Leonie Duboc, 1896, presso il Museo Nazionale di Arte, Architettura e Design

Abito realizzato da Madame Leonie Duboc, 1896, abito conservato al National Museum of Art, Architecture and Design

Nel 1897, il principe Carlo e la principessa Maud parteciparono al famoso ballo in maschera della Marchesa di Devonshire, uno degli eventi più sfarzosi del giubileo di diamante della Regina Vittoria.  La principessa Alessandra, si era vestita come Margherita de Valois( la moglie di Enrico IV) e Maud insieme a altre donne si mascherarono come dame di corte .  L’abito di Maud fu realizzato da Morin-Blossier in un satin di seta rosa con un’applique di organza di seta e decorato con paillettes colore argento, perline dello stesso colore e strass.

4a1eecc84eb60cc73140546e9658d80b

Abito conservato al National Museum of Art, Architecture and Design

Principessa Maud, Principe Carlo e Principessa Vittoria del Gales 1897

Continuiamo con lo splendido abito usato per la sua incoronazione, è stato realizzato in lamé dorato fatto a mano a Lyon, con maniche di pizzo e un ricco ricamo in filo metallico a forma di fiori e fiocchi con perline dorate, perle artificiali e strass. L’abito è in stile principessa (un’altra costante del suo guardaroba). A differenza del tradizionale abito d’incoronazione norvegese che includeva il leone araldico, quello di Maud è completamente privo di ogni simbolo, piuttosto richiamava quello che sua madre, la regina Alessandra, indossò il giorno della sua incoronazione come regina del Regno Unito e imperatrice dell’India nel 1901.

bbf12e8cc23bebdc5d5dc2a2bdc2bf29

d48704b2014ff0467222d7b77fcf6041

Abito conservato al National Museum of Art, Architecture and Design

da42402a66835987319fd4a6dafc4e09

Dopo questo momento Maud, ha dovuto cambiare tutto il suo guardaroba per seguire al meglio il suo nuovo ruolo da regina.  I suoi innumerevoli impegni prevedevano un cambio d’abito almeno quattro volte al giorno.

Lafferrière fece diversi abiti per la regina Maud, come questo del 1909 in satin di seta verde ghiaccio, sul davanti c’e un drappeggiato asimmetrico sulla sinistra che cade deliziosamente con un ricamo di fiori e foglie, le cui dimensioni aumentano man mano si arriva all’orlo inferiore.

Nel periodo tra il 1905 e il 1910, tutti gli abiti da festa della regina hanno lo stessa tipologia: una vita stretta, scollature quadrate e profonde e delle gonne con strascico, inoltre hanno tutti lo stesso taglio principessa che allungava la figura, segno che la minuta e piccola Maud, sapeva bene cosa gli stava meglio.

8e38bb6ac92890ff0c80304610d2e4ed

Abito conservato al National Museum of Art, Architecture and Design

 

Dal sito http://godsandfoolishgrandeur.blogspot.it

Dal sito http://godsandfoolishgrandeur.blogspot.it

Qui invece vediamo un abito della maison Worth, che ha una storia particolare; sembra che Maud avesse chiesto una modifica nella parte superiore, egli lo voleva più affusolato, forse per differenziarsi da sua cugina, la regina Vittoria Eugenia di Spagna che ne possedeva uno uguale.

tumblr_m67nv9vLgj1qf46efo1_1280

Abito conservato al National Museum of Art, Architecture and Design

4708167794_133528ecc4

Fotografia della regina Ena, cugina di Maud nell’abito di Worth, insieme all’abito originale

In questi abiti possiamo osservare come la moda sta rapidamente cambiando, qui siamo tra il 19010-13; il vitino da vespa di 46 centimetri di Maud è sparito sotto questi abiti privi di corsetto dalle stoffe più fluide.

122da1fc3433ba36e2ba2300903ab765

Abiti conservati al National Museum of Art, Architecture and Design

Questi invece sono degli anni venti dove nonostante l’età della regina (all’epoca aveva circa cinquant’anni), lo stile del decennio sta divinamente nel suo esile corpo.

1918 -1920, al National Museum of Art, Architecture and Design

1918 -1920, al National Museum of Art, Architecture and Design

1929 al National Museum of Art, Architecture and Design

1929 al National Museum of Art, Architecture and Design

Questo abito del 1923 ha una chiara inspirazione egiziana, motivo decorativo in voga all’epoca dopo che era stata scoperta la tomba di Tutankhamun nel 1922.

Web_OK-1991-0183

Abito conservato al National Museum of Art, Architecture and Design

Maud fu sempre una donna sportiva, lo si vede nelle numerose fotografie che ritraggono lei e suo marito praticando equitazione o attività invernali.

9287cc71aca63e83246d923e6d07f13d

Insieme conservato al National Museum of Art, Architecture and Design

Queen Maud of Norway

 Il meraviglioso abito dell’incoronazione del suo nipote Albert Frederick Arthur George come Re Giorgio VI del Regno Unito nel 1937 è in lamé dorato con una leggera sfumatura di rosa pallido, l’elemento rosa continua nelle maniche di chiffon che sono state ricamate con perline dorate e orlate da una frangia dorata.  La gonna dell’abito è stata tagliata a sbieco e finisce con un lungo strascico.

592674aec5b21ea7f3bb7c800d0e6270

Abito conservato al National Museum of Art, Architecture and Design

a3dcc4d3172067af9ceb5b7724a00cd7

Questo è uno degli ultimi abiti da lei indossato, creato dalla Maison Worth nel 1938, è un abito da cena, utilizzato non solo in occassioni sociali ma anche semplicemente per cenare in compagnia del marito, giacchè il re e la regina solevano cambiarsi e abbigliarsi elegantemente ogni sera prima di cena.

c647daae1110831314e4bc7fda3be5ca

Abito conservato al National Museum of Art, Architecture and Design

Come abbiamo visto, il guardaroba della regina Maud è degno di nota, non solo per la bellezza dei suoi abiti o perche comprendono un periodo di circa 50 anni in cui la moda è cambiata tanto, ma anche perchè Maud aveva uno stile proprio, molto personale, lo dimostrano i diversi disegni, oggi custoditi al Victoria & Albert Museum di alcuni degli abiti che le erano stati proposti dai vari stilisti dell’epoca, ma che somigliano ben poco a quelli effettivamente realizzati, grazie alle innumerevoli modifiche che la regina chiedeva di fare.

Ana Muraca

Bibliografia e Sitografia:

“Style and Splendour: The wardrobe of Queen Maud of Norway”

http://harriet.nasjonalmuseet.no/draktgallerier/dronning-maud/

http://trondni.blogspot.it/2012_07_01_archive.html

http://bellezza-storia.livejournal.com/114714.html

http://godsandfoolishgrandeur.blogspot.it/2013/10/queen-maudes-dresses.html

http://www.sickpupsnot.org/vict_albert/vaQueenM.html

http://digitaltmuseum.no/021095499093?page=20&query=maud&pos=468

http://fashionismymuse.blogspot.it/2009/04/wardrobe-of-queen-maud-of-norway.html

http://www.theroyalforums.com/forums/f189/style-and-splendour-queen-maud-of-norways-wardrobe-exhibition-14061-3.html

Per vedere altre immagini visita il nostro board “Queen Maud” su Pinterest