Oggi vi presentiamo un’icona italiana della Belle Epoque, è stata definita la donna più bella del mondo, acclamata non solo per la sua bellezza ma anche per la sua voce, ecco a voi Lina Cavalieri.

Natalina Cavalieri, in arte Lina, nasce a Viterbo, il 25 dicembre del 1874, da qui il suo nome. Prima di quattro figli , lei e la sua famiglia per ragioni economiche furono costretti a lasciare Viterbo per Roma.  Lina fin da piccola mostrò un carattere coraggioso, indipendente e fiero, cercò di aiutare portando qualche soldo a casa lavorando come apprendista sarta, ma non era proprio portata, successivamente lavorò vendendo fiori per strada, ma per una ragazzina, era un impiego al quanto pericoloso; infine andò a lavorare piegando giornali; nel frattempo, Lina iniziò a cantare qua e là, e un suo vicino di casa che dava lezioni di canto, notò le sue doti e si offri di darle lezioni gratuitamente.

          suag15wjes

All’epoca, andavano di moda i Cafè chantant, e fu proprio lì dove Lina iniziò la sua carriera; il suo primo contratto l’ottenne in un teatro a piazza Navona, ma la sua ferrea volontà di uscire dalla povertà e il suo amore per il canto, la portarono velocemente ad essere una delle più richieste intrattenitrici della capitale, cantando in teatri come l’Orfeo e il Diocleziano.

 vintage_lina_cavalieri_003_by_mementomori_stock-d5q5x0y

La sua fama crescente era arrivata a Napoli, dove venne chiamata a cantare nel Salone Margherita e successivamente nei più importanti teatri della città.  Poco tempo dopo, fecce il salto definitivo quando firmò il contratto per cantare a Parigi, nel Folies Bérgères; il successo fu tale da farla diventare una star internazionale a soli ventun anni; da lì, la sua carriera andò sempre in ascesa cantando a Londra, Berlino e Russia. All’improvviso la povera ragazzina sbocciò come il più bel fiore, il suo nome divenne famoso come quello di Loie Fuller, Lyane de Pougy, Carolina Otero e Cléo de Mérode.

Schermata 2015-11-17 alle 10.54.53

Lina Cavalieri insieme a  Mérode, Otero e altre artiste del varietà, dal libro “Lina Cavalieri: The Life of Opera’s Greatest Beauty, 1874-1944”

Ciò che la rese famosa non fu soltanto la sua voce ma soprattutto la sua bellezza, carisma e portamento.  Lei incarnava l’ideale di bellezza dell’epoca ma con i tratti mediterranei, la sua figura elegante e il suo bel viso dagli occhi grandi e oscuri la rendevano speciale. E stata definita la donna più bella del mondo, la sua foto compariva in cartoline e riviste di tutto il mondo diventando un simbolo della Belle Epoque.

1

Una volta arrivata al culmine del successo e della popolarità, decise di dedicarsi alla lirica e anche se le sue doti come soprano non erano niente di sensazionale, girò il mondo cantando insieme a figure di grande rilievo come a Enrico Caruso e Francesco Tamagno.

Intorno al 1914 si diede alla carriera cinematografica dove interpretò sette film ma senza lo stesso successo, così nel 1920 diede l’addio definitivo alle scene.

tumblr_ntenhbeIfc1rlm2lro1_1280

 

La sua vita sentimentale fu molto movimentata, si dice che più di 840 uomini le proposero matrimonio, ma solo in cinque riuscirono a portarla all’altare, tra di loro, un granduca, un re, e un multi miliardario americano, ma ogni unione durava poco tempo per il suoi rifiuti di abbandonare il palcoscenico.

Portrait of Lina Cavalieri

Lina Cavalieri, ritratto di Giovanni Boldini

Il suo viso però ha continuato dopo la sua morte avvenuta a Firenze nel 1944, ad affascinare il grande pubblico, soprattutto dopo di che il designer Piero Fornasetti scoprii una sua vecchia foto in rivista e la prendesse come musa per le sue opere.

 c2d3866632f64e9efda2a6fbe64b3e3d

Ana Muraca

 

Bibliografia:

Paul Fryer,Olga Usova “Lina Cavalieri: The Life of Opera’s Greatest Beauty, 1874-1944”

Sitografia:

http://curiositadifirenze.blogspot.it/2013/04/lina-cavalieri-la-piu-bella-del-mondo-e.html

 

http://www.enciclopediadelledonne.it/biografie/lina-cavalieri/

 

http://www.sterlizie.com/art-design/chi-era-lina-cavalieri-la-musa-di-piero-fornasetti/

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Lina_Cavalieri